Mi è stata diagnosticata una condizione di Ipovisione o Cecità…cosa faccio adesso?

Innanzitutto, è bene conoscere la legge 138 del 2001 che disciplina le varie forme di minorazione visiva:

Si definiscono ciechi totali:

a) coloro che sono colpiti da totale mancanza della vista in entrambi gli occhi;

b) coloro che hanno la mera percezione dell’ombra e della luce o del moto della mano in entrambi gli occhi o nell’occhio migliore;

c) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 3 per cento.

Si definiscono ciechi parziali:

a) coloro che hanno un residuo visivo non superiore a 1/20 in entrambi gli occhi o nell’occhio migliore, anche con eventuale correzione;

b) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 10 per cento.

Si definiscono ipovedenti gravi:

a) coloro che hanno un residuo visivo non superiore a 1/10 in entrambi gli occhi o nell’occhio migliore, anche con eventuale correzione;

b) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 30 per cento.

Si definiscono ipovedenti medio-gravi:

a) coloro che hanno un residuo visivo non superiore a 2/10 in entrambi gli occhi o nell’occhio migliore, anche con eventuale correzione;

b) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 50 per cento.

Si definiscono ipovedenti lievi:

a) coloro che hanno un residuo visivo non superiore a 3/10 in entrambi gli occhi o nell’occhio migliore, anche con eventuale correzione;

b) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 60 per cento.

Riconoscimento della minorazione visiva

Per ottenere il riconoscimento del proprio stato, l’interessato deve presentare domanda alla asl di competenza per essere sottoposto a specifica visita dalla Commissione per l’accertamento. La sezione UICI è in grado di dare l’assistenza necessaria per la presentazione della domanda.

Provvidenze economiche da parte dello Stato

Ai soggetti riconosciuti gravi, medio gravi e lievi non viene riconosciuto alcun beneficio economico.

Se CIECHI ASSOLUTI si avrà diritto ad una indennità di accompagnamento concessa a titolo della minorazione e una pensione non reversibile legata al reddito personale;

Se CIECHI PARZIALI si avrà diritto ad indennità speciale concessa a titolo della minorazione e una pensione non reversibile legata al reddito;

Inoltre, i ciechi totali o parziali, avranno diritto a:

  • Esenzione ticket per visite ed esami;
  • Ottenere in maniera agevolata o gratuita diversi strumenti per migliorare la propria autonomia ed integrazione sociale come da nomenclatore tariffario delle protesi;
  • Agevolazione IVA al 4% sull’acquisto di un automezzo e possibilità di detrarre dall’irpef il 19% della spesa sostenuta per l’acquisto;
  • Esenzione tassa automobilistica;
  • Contrassegno H per la circolazione automobilistica nelle corsie preferenziali urbane ed il parcheggio negli spazi riservati a disabili;
  • Riduzione dell’IVA al 4% per le spese sostenute per l’abbattimento delle barriere architettoniche;
  • Sconto del 20% per viaggiare in treno e del 50% se si viaggia con accompagnatore;
  • Tessera di libera circolazione della Regione per viaggiare su linee urbane ed extraurbane della Regione Piemonte. Consente anche al suo possessore e all’eventuale accompagnatore di viaggiare su tutti i treni regionali e diretti avente origine e destinazione in città piemontesi.
  • Deduzioni fiscali (IVA 4%) per acquisto strumentazione non compresa nel nomenclatore tariffario con successiva detrazione della spesa dal modello 730 o UNICO.
  • Accompagnatore personale per motivi di studio o lavoro ottenibile mediante presentazione di un progetto specifico all’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile da parte della sezione UICI, al costo di € 93,00 mensili deducibili dalle indennità percepite;
  • Riduzione dall’Irpef del 19% delle spese sostenute per l’acquisto del cane guida;
  • Detrazione forfettaria delle spese sostenute per il mantenimento e la cura del cane guida;
  • Aliquota IVA agevolata al 4% per l’acquisto di particolari prodotti editoriali;
  • Agevolazioni sui canoni di abbonamento per l’accesso ad internet da postazione fissa;
  • Detrazione forfettaria per ogni figlio portatore di handicap;
  • Riduzione dell’IVA al 4% per le spese sostenute per l’abbattimento delle barriere architettoniche, sia condominiali che domestiche;
  • Possibilità di dedurre dal reddito complessivo una parte degli oneri contributivi versati per gli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o familiare;
  • Accesso agevolato o gratuito in musei, sale teatrali e sale cinematografiche secondo convenzioni stipulate a livello locale.
  • Inoltre, sono previsti anche sconti per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica.

L’invito è quello di entrare a far parte della grande famiglia dell’Unione Ciechi e Ipovedenti di Novara, dove potrete trovare tutto il sostegno sia per il disbrigo di pratiche burocratiche ma anche per essere coinvolti attivamente nelle attività che la sezione propone.